testata ADUC
 PORTO RICO - PORTO RICO - Cannabis terapeutica. Il Governatore la legalizza
Scarica e stampa il PDF
Notizia 
4 maggio 2015 16:56
 
Il governatore del Puerto Rico, Alejandro Garcia Padilla, ha firmato oggi un'ordinanza esecutiva che legalizzato l'uso terapeutico dei derivati della marijuana. L'ordinanza da' indicazioni al ministro della Salute, Ana Rius, di autorizzare subito l'uso medico delle sostanze derivate dalla pianta di cannabis, rifacendosi a diversi studi realizzati in Usa rispetto al loro valore terapeutico. La firma arriva dopo tre giorni che lo stesso governatore aveva fatto ufficialmente sapere che avrebbe utilizzato tutti i poteri che sono a lui conferiti dalla Costituzione per governare e cercare di dare slancio all'economia di Puerto Rico, in recessione da piu' di otto anni. Un metodo che il presidente ha deciso di utilizzare dopo il rifiuto del Potere legislativo ad approvare una riforma tributaria che il Governo considerava invece come vitale per avere un budget credibile, cosi' come da molti mesi veniva richiesto dal mercato. La legalizzazione della cannabis terapeutica arriva dopo che da diversi mesi la Camera dei rappresentanti non era stata in grado di pronunciarsi in merito. In un comunicato odierno, il governatore spiega che diversi studi dimostrano l'utilita' della pianta per alleviare i dolori provocati da sclerosi multipla, Aids, glaucoma, Alzheimer, emicrania, Parkinson e tante altre malattie. “Con l'uso medico di questa pianta stiano adottando uno strumento innovativo per garantire il benessere ed una migliore qualita' della vita di questi pazienti”, ha detto Padilla. Con questa decisione, il Puerto Rico si aggiunge ad un'ampia lista di Stati degli Usa e Paesi del continente americano e non solo, che hanno legalizzato l'uso medico di questa pianta e che si stanno muovendo per la sua completa depenalizzazione, situazione che puo' far supporre un'importante fonte di guadagno e di introiti per le casse pubbliche. Nell'ordinanza esecutiva emessa oggi, si specifica che alcuni degli Stati che hanno permesso l'uso medico di questa pianta sono Alaska, Arizona, California, Colorado, il Distretto di Columbia, Hawai, Maine, Michigan, Montana, Nevada, New Mexico, New Jersey, Oregon, Vermont, Rhode Island e Washington. Secondo quanto disposto, la segreteria del Dipartimento della Salute dovra', entro tre mesi, “preparare un'informativa che nei dettagli spieghi cosa ha fatto in merito, nonche' i risultati ottenuti e il piano di lavoro che seguira'”.
 
 
NOTIZIE IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori