testata ADUC
 USA - USA - Cannabis terapeutica. I benefici per gli anziani. Studio
Scarica e stampa il PDF
Notizia 
10 settembre 2020 9:46
 
L’invecchiamento per gli esseri umani può essere una cosa triste. Col passare del tempo il corpo umano inizia a deteriorarsi e il deterioramento va sempre avanti. Purtroppo è una realtà che non può essere superata. Invecchiare può essere difficile per molte persone.
I dolori e le sofferenze sono un costante promemoria in cui gli anziani si imbattono con l’inesorabilità del tempo.
Ottenere un sonno adeguato è particolarmente difficile per molti anziani grazie ad una moltitudine di motivi, non ultimo dei quali sono gli effetti collaterali delle prescrizioni farmaceutiche.
Chiunque abbia guardato un armadietto dei medicinali per anziani non potrà non notare che il numero di farmaci aumenta con l'età.
È un pendio scivoloso: agli anziani viene prescritto un farmaco per curare una condizione e gli effetti collaterali di quella prescrizione richiedono una nuova prescrizione.
La situazione può sfuggire di mano molto rapidamente e, vista la dipendenza e la pericolosità di alcuni farmaci, può anche essere una situazione pericolosa.
Lo stesso non si può dire della cannabis.
Un recente studio ha esplorato la situazione degli anziani, la cannabis e la qualità della vita segnalata, e i risultati stimolano attenzione.

Migliore qualità della vita
Un team di ricercatori di recente ha condotto uno studio in cui hanno intervistato degli anziani (oltre i 60 anni) sulla loro qualità della vita. Alcuni che hanno partecipato allo studio hanno riferito di usare la cannabis per scopi medici mentre altri no.
“[Abbiamo] identificato una forte associazione positiva tra una maggiore frequenza di consumo di cannabis e il miglioramento dei punteggi HRQL e HCU [utilizzo dell'assistenza sanitaria]. ...
Il nostro modello di regressione ha anche identificato una forte relazione positiva tra una maggiore frequenza di consumo di cannabis e miglioramenti auto-riportati dei sintomi del dolore.
La relazione positiva tra l'uso quasi quotidiano e il miglioramento dei rapporti offre un'ulteriore prova del valore percepito della cannabis medica come approccio terapeutico per la gestione del dolore", hanno affermato i ricercatori.
I risultati della ricerca sono in linea con studi precedenti, come sottolineato da uno dei principali gruppi pro-cannabis, NORML.
“Questi risultati non sorprendono. Molti anziani probabilmente hanno sperimentato in prima persona la cannabis durante la loro giovinezza e ora stanno tornando ad essa come potenziale terapia per mitigare molti dei sintomi legati alla salute che derivano dall'età avanzata, incluso il dolore cronico.
Molti anziani sono ben consapevoli dei gravi effetti collaterali negativi associati ai farmaci che vengono loro prescritti, come gli oppioidi, e percepiscono la cannabis medica come una valida alternativa", ha dichiarato il vicedirettore di NORML Paul Armentano in un comunicato stampa.

La scelta più sicura
Gli anziani, ovviamente, è bene che seguano qualunque indicazione farmacologica con cui si sentono più a loro agio. I pazienti devono sempre chiedere il parere di professionisti medici, incluso e soprattutto il loro medico di base.
Detto questo, almeno secondo i risultati dello studio citato, gli anziani trarrebbero beneficio dal parlare almeno della cannabis medica con il proprio medico.
Se il medico non è a conoscenza dei benefici e dei rischi della cannabis medica, ignoranza purtroppo abbastanza comune, i pazienti dovrebbero riferire di questo studio e avviare un confronto.
La cannabis non è solo più sicura della maggior parte dei farmaci, è anche più sicura di molte sostanze comuni nelle famiglie di tutto il mondo.
La cannabis medica potrebbe non aiutare ogni paziente sofferente in ogni situazione, tuttavia è una sostanza abbastanza sicura che non c'è molto da perdere se un paziente vuole provare la cannabis medica (in modo responsabile e con l'approvazione di un medico, ovviamente).

(articolo di Johnny Green su Cannabis&Tech Today del 04/09/2020)
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
NOTIZIE IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori