testata ADUC
 ITALIA - ITALIA - Cannabis Light/Cassazione. Norme solo dopo motivazioni sentenza. Ministero Interno
Scarica e stampa il PDF
Notizia 
7 giugno 2019 11:25
 
"Occorre attendere le motivazioni della sentenza della Corte di cassazione per valutare gli interventi, anche normativi, per fare definitivamente chiarezza su tale questione". Lo ha detto il sottosegretario del ministero dell'Interno Luigi Gaetti rispondendo, in aula alla Camera, ad una interpellanza di FdI sui cosiddetto cannabis shop.

“Spetta innanzitutto alla politica e non alla Corte di Cassazione dare risposte ai cittadini. Non è più tempo di attendere, dal governo mi aspetto quindi una data certa entro la quale modificare urgentemente la normativa sulla cannabis voluta nella scorsa legislatura dal Pd e da buona parte del M5S”. È quanto ha dichiarato il deputato di Fratelli d’Italia Maria Teresa Bellucci, responsabile del dipartimento dipendenze di FDI, nel corso dell’Interpellanza urgente rivolta al Ministro della Salute Grillo e al Ministro Fontana delegato alle Politiche Antidroga.
“Lega e M5s - ha concluso il deputato di Fdi - devono assumersi oggi le loro responsabilità facendo leggi giuste, chiare e che tutelino la salute degli italiani. La nostra economia ha bisogno di uno shock fiscale, di una diminuzione delle tasse, di una diminuzione del cuneo fiscale, non di una moltiplicazione di cannabis shop come strumento per far ripartire il commercio e il lavoro. La recente sentenza della Corte di Cassazione ha stabilito che è reato la vendita e la commercializzazione dei prodotti derivati dalla cannabis. Aiutiamo pertanto le imprese a coniugare la promozione del lavoro con la tutela della salute, chiudiamo al più presto i cannabis shop e, magari, favoriamone la riconversione come proposto da Fratelli d’Italia”.
 
 
NOTIZIE IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori