testata ADUC
Processo narco El Chapo a New York. La DEA diffonde i filmati del suo arrivo in Usa
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Vincenzo Donvito
14 febbraio 2019 19:44
 
 Sono stati diffusi i filmati del signore della droga messicano El Chapo, in lacrime quando è arrivato negli Stati Uniti dopo il suo arresto nel 2017.
Il 61enne, il cui vero nome è Joaquin Guzman, è stato giudicato colpevole per aver capeggiato negli Stati Uniti uno ddi più importanti cartelli della droga, contrabbandando stupefacenti del valore di miliardi di dollari.
In seguito alla sua condanna, il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha pubblicato un video che lo mostra mentre fissa il vuoto senza espressione da una finestra dell'aeroplano, prima di asciugarsi una lacrima al momento dello sbarco.
È probabile che Guzman starà dietro le sbarre per tntissimi anni in una prigione degli Stati Uniti di massima sicurezza, scelta in modo particolare per evitare un'altra delle sue evasioni che lo hanno reso un eroe popolare in Messico.
Una giuria, la cui identità dei membri è stata tenuta segreta come misura di sicurezza, ha raggiunto un verdetto dopo sei giorni di consiglio. La giuria ha esaminato ciò che le autorità hanno definito una "valanga" di prove raccolte dalla fine degli anni '80, secondo le quali Guzman e il suo cartello della droga di Sinaloa hanno guadagnato miliardi grazie a tonnellate di cocaina, eroina, metanfetamine e marijuana trafficate negli Stati Uniti.
Mentre il giudice leggeva il verdetto, Guzman fissava la giuria, guardava sua moglie, entrambi con rassegnazione in volto. Quando i giurati hanno terminato e Guzman si è alzato per lasciare l'aula, la coppia si è data uno sguardo di intesa sollevando il pollice della mano all’insù.
L’arringa della difesa è durata solo mezz'ora. Gli avvocati di Guzman non hanno negato i suoi crimini, ma hanno sostenuto che si trattava di un ragazzo coinvolto grazie alle testimonianze di autorità corrotte più cattive di lui. L'avvocato della difesa, Jeffrey Lichtman ha invitato la giuria a non credere ai testimoni del governo che "mentono, rubano, barano, distribuiscono droga e uccidono la gente". Lichtman ha anche detto che la difesa "ha dovuto combattere contro dei totali selvaggi" ed ha fatto sapere che si appellerà contro il verdetto. "Non importa chi sia l'imputato, la lotta va condotta fino alla morte." Secondo Lichtman, il suo cliente è una persona che pensa positivo e che "non si arrende".
Dopo aver ascoltato il verdetto, Guzman era "fresco come un cetriolo", ha aggiunto Lichtman. "Onestissimo di fronte a Dio, noi eravamo più arrabbiati di lui."
Il verdetto sarà reso noto il prossimo il 25 giugno.

Qui il video del Dipartimento Usa di Giustizia https://youtu.be/ZLoKWvs4u_A
Il filmato è stato diffuso senza audio

 

Qui l'ultimo nostro articolo sul processo di New York, con tutti i link agli articoli dallo scorso 5 novembre 2018 in poi: 
https://droghe.aduc.it/articolo/droghe+illegali+el+chapo+usa+europa+italia+mondo_29176.php
 
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori