testata ADUC
Processo El Chapo a New York. Le ultime parole del boss del narcotraffico prima dell'ergastolo
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
18 luglio 2019 17:23
 
 L'ultimo capitolo della prolifica storia di Joaquín El Chapo Guzmán è iniziato con un saluto a distanza a sua moglie, Emma Coronel. Le ha inviato un bacio e si è posato la mano destra sul petto. Sembrava tutto d’un pezzo, pulito, di buon umore, nonostante le rigide condizioni di detenzione dopo l'estradizione. I capelli erano tinti, senza un pelo fuori posto, ben pettinati e di nuovo con i baffi. "Dato che il governo degli Stati Uniti mi manderà in una prigione dove non sentiranno mai il mio nome", ha detto, "ho colto l'occasione per dire che non c'è stata giustizia".

Guzmán, 62 anni, ha parlato prima che il giudice emettesse la sentenza che lo ha condannato all'ergastolo. Lo ha fatto lui stesso, senza la mediazione del suo avvocato, per quasi 15 minuti aggiungendo le interruzioni dell'interprete. Ha iniziato ringraziando sua madre, sua moglie, i suoi due gemelli e i loro figli per il "sostegno incondizionato" che gli hanno dato durante il processo. E lo ha esteso a tutte le persone che hanno pregato per lui per dargli supporto.

E in quel momento ha iniziato con le sue accuse. "Mi hanno dato la forza per sopportare le torture che sono state così grandi che sto soffrendo 24 ore al giorno da 30 mesi", ha denunciato davanti al giudice Brian Cogan. "Sono stato costretto a bere acqua non potabile. Mi è stata negata la luce del sole e l'aria fresca ", ha continuato. "Mi fa male la gola, il naso e la testa. Mi copro le orecchie con la carta igienica a causa del rumore dell'aria".
La parola tortura l’ha ripetuta una dozzina di volte. Il trafficante di droga messicano, noto per essere un criminale spietato e sanguinario, in quel momento si è rivolto direttamente al giudice per affermare che era stata "la cosa più disumana che fosse accaduta nella sua vita". È una mancanza di rispetto per la dignità umana. Nel XXI secolo questo trattamento crudele non può essere permesso".

Guzmán ha poi continuato a mettere in discussione il sistema giudiziario, perché gli è stata negata la possibilità di un secondo processo a causa, secondo lui, del comportamento inappropriato della giuria, che ha consultato la stampa e i social network durante il processo contro le disposizioni date dal giudice "Quando sono stato estradato, mi aspettavo una giustizia giusta, dove la mia fama e la mia reputazione non fossero un pretesto", ha detto, "e ciò che è accaduto è stato proprio il contrario".

Gli avvocati di El Chapo si sono già rivolti in anticipo al magistrato per denunciare che il diritto del loro cliente ad un processo equo è stato violato. Guzman ha accusato il giudice di aver negato quella possibilità, e si è chiesto perché ha ritenuto necessario fare un processo con la giuria quando avrebbe potuto sentenziare direttamente la condanna fin "dal primo giorno" visto che le prove dei suoi crimini erano così travolgenti.
"Da qui colgo l'occasione per dire che la giustizia non c’è stata qui, non è stata fatta. Il mio caso era già deciso fin dall’inizio", ha concluso, e poi ha lasciato il dubbio su ciò che potrebbe accadere ad altri imputati che non hanno ricevuto molta attenzione da parte dei media nei loro processi. "Gli Stati Uniti non sono diversi o migliori di qualsiasi altro Paese corrotto che non rispetta i diritti", ha detto prima di dire "grazie signor giudice".
La procuratrice di New York Gina Parlovecchio ha quindi preso la parola per difendere il lavoro svolto dalle autorità statunitensi per comminare il carcere a vita al leader del cartello "più prolifico" per l'uso di violenza e corruzione. "Non ha rimorsi per i suoi crimini", ha detto guardando direttamente nel volto Joaquín Guzmán, "mettendo in pericolo la vita di persone innocenti".

Durante il processo, la corte aveva dato la parola ad Andrea Vélez, ex assistente del cartello di Sinaloa, che è intervenuto come vittima di El Chapo. "Voglio smettere di essere un nome senza volto", aveva detto, e poi tra i singhiozzi aveva detto che prima provava ammirazione per Joaquín Guzmán. All'inizio aveva pensato che fosse una brava persona, "molto lontano da ciò che si diceva di lui". Era arrivato a pensare che lui stesso facesse parte della sua famiglia e che l'avrebbe protetto.

Durante il processo, è stata presentata una foto in cui la si vedeva insieme a Joaquín Guzmán e al trafficante di droga colombiano Alex Cifuentes vestito da soldato. Era nel periodo in cui si nascose sulle montagne. Tutto cambiò quando El Chapo la usò come esca per rapire un soldato ecuadoriano e fu allora che avrebbe voluto lasciare l'organizzazione. "Mi hanno detto che lo avrei fatto in una bara e con i piedi davanti".
Guzmán, ha detto di aver messo una taglia di un milione di dollari quando iniziò a collaborare con le autorità anti-droga. "Ho peccato e ho pagato un prezzo alto per i miei sogni di grandezza. Sono diventato un'ombra senza un nome. Ho perso tutto, persino la mia identità", ha lamentato. Ora dice che vuole che la sua esperienza serva da esempio per coloro che sono attratti dal potere e dal fascino dei narcotrafficanti.

(Articolo di Sandro Pozzi, pubblicato su El Pais del 18/07/2019)

Qui gli articoli precedenti su tutta la vicenda processuale di El Chapo: 
https://www.aduc.it/articolo/processo+narco+el+chapo+new+york+giuria+colpevole_29173.php
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori