testata ADUC
Il Messico attraversa il periodo più sanguinoso della sua storia
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
31 luglio 2018 10:14
 
 In Messico più di 85 persone vengono uccise ogni giorno. Le cifre pubblicate questo lunedì 30 luglio dall'Istituto nazionale di statistica scuotono un Paese che nel 2017 ha sofferto il periodo più cruento della sua storia. Ancora peggio che negli anni in cui i morti si contavano a decine, dove le prime pagine dei giornali nazionali annunciavano grandi massacri e i dati del 2011 - nel bel mezzo della guerra contro il narcotraffico - scandalizzavano l'intera nazione. E la tendenza suggerisce che il prossimo anno ci sarà un nuovo record.
L'anno scorso 31.174 persone sono state uccise - la grande maggioranza con armi da fuoco - 6.615 in più rispetto al 2016 e più del doppio rispetto a otto anni fa. I dati presentati lunedì dall'agenzia si basano sui rapporti legali delle vittime e delle indagini, e sono i più curati di quelli che sono stati diffusi negli ultimi mesi. Il Messico è stato classificato per la prima volta con un tasso di 25 morti ogni 100.000 abitanti, davanti all'indice criminale della Colombia (24) e avvicinandosi al tasso brasiliano (29), tradizionalmente molto più alto.
Il Paese sta vivendo una situazione molto diversa rispetto al tempo dei grandi signori della droga, con le dichiarazione di guerra dell'ex presidente Felipe Calderon (che ha governato nel 2006-2012). La strategia di sicurezza nazionale, focalizzata sulla decapitazione dei potenti cartelli storici del Paese, così come l'arresto di Joaquin El Chapo Guzman, nonché la lotta per gli spazi vuoti che si eranop creati, ha causato la frammentazione delle bande in gruppi più piccoli, decentralizzati e non solo interessati al narcotraffico. Ciò spiega l’aumento della criminalità nelle aree tradizionalmente sicure e al di fuori dell'ultra-violenza dei trafficanti di droga, come Baja California Sur, Guanajuato e Quintana Roo.
"Non è solo il traffico di droga, è il furto di carburante, estorsioni, sequestri di persona... Questo cambiamento nel modello di business rende e si diffonde in altre aree. Ha cominciato concentrandosi nelle regioni di produzione della droga o nelle sue vicinanze, ma ora, qualsiasi posto è buono per gli affari", spiega l'esperto di sicurezza Alejandro Hope in un'intervista con questo giornale. "La diversificazione e la dispersione dei cartelli ha portato ad un cambiamento nella mappa: mentre nel 2010 il 24% degli omicidi erano concentrati a Chihuahua e in particolare nella città di Ciudad Juarez, mentre nel 2017 non v'è un singolo Stato che non registri più del 10% di omicidi", aggiunge Hope. Si uccide più che nell’ambito della guerra contro i narcotrafficanti, e gli assassinii si sono diffusi in nuovi territori.
Quintana Roo, regione che raggruppa li gioielli turistici del Messico, come Cancun e la Riviera Maya, ha chiuso il 2017 con 450 vittime, più del doppio rispetto all'anno precedente. Una minaccia letale per un Paese la cui economia dipende in larga misura dal turismo - che rappresenta in partenza l'8,7% del PIL nazionale - e grazie al quale viene prodotto il 40% del reddito del Paese. Baja California Sur, un altro luogo di villeggiatura e meta balneare per eccellenza, ha registrato il triplo di omicidi in un anno, da 238 nel 2016 a 740. A Guanajuato, dove si concentrano gran parte degli investimenti automobilistici, una terra tradizionalmente a parte rispetto al terrore dei trafficanti di droga, ha registrato 2.252 vittime per omicidio, quasi 10 volte in più di otto anni fa.
La pacificazione del Paese, strategia annunciata dal neo-eletto Presidente López Obrador, grazie anche ad un disegno di legge di amnistia per tutti coloro che sono coinvolti nel traffico di droga, prevede di ridurre in modo significativo le percentuali di questi ultimi, anche se gli esperti concordano sul fatto che i risultati saranno a lungo termine. La tendenza degli omicidi non ha smesso di crescere dall'inizio del 2015, e tutto indica che nel 2018 le cifre supereranno quelle di quest'anno. "Dando per certo che il piano sia un grande successo, è quasi certo che alla metà della legislatura si raggiungeranno 100.000 omicidi. E questo è uno scenario molto ottimista", dice Speranza.

(articolo di Elena Reina, pubblicato sul quotidiano El Pais del 31/07/2018)
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori