testata ADUC
Mercato cannabis legale. La Colombia leader mondiale?
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
12 luglio 2019 8:59
 
 Il Canada ha guidato l'industria della cannabis globale sin dalla sua prima legalizzazione di quella medica. Per un po', l'Olanda è stata l'unica altra nazione a consentire esportazioni di cannabis medica, ma le società canadesi hanno mantenuto la maggiore quota del mercato. Dopo aver abolito il divieto per tutti i maggiorenni l'anno scorso, la posizione dominante del Canada si è rafforzata. Israele ha annunciato all'inizio di quest'anno che avrebbe iniziato a consentire anche le esportazioni, ponendosi come nuovo concorrente sulla scena, ma la più grande sfida per il dominio canadese potrebbe essere la Colombia, una delle due nazioni sudamericane che ha iniziato ad esportare solo pochi mesi fa.
La Colombia sta facendo passi da gigante nell'attuazione delle riforme della legge sulla cannabis, avendo depenalizzato il possesso per uso personale 7 anni fa, legalizzando l'uso terapeutico tre anni fa e permettendo esportazioni solo quest'anno. Chiaramente in marcia verso la fine del proibizionismo per tutti i maggiorenni, la Corte Suprema della Colombia ha appena sentenziato che le leggi che vietano il consumo pubblico sono incostituzionali. Con condizioni di crescita ideali e la possibilità di produrre cannabis in modo relativamente economico, la comunità internazionale di cannabis è stata allertata, così come fa sapere Health Europa:
Spesso caratterizzato con lo slogan 'Why Colombia' negli ambienti degli investitori, ecco una serie di caratteristiche che rendono la Colombia un luogo ideale per la produzione di cannabis medica.
Tipologia dell’ambiente e denominazione di origine. La Colombia ha già avuto un ruolo importante nel mercato illegale della cannabis e il Paese ha una varietà di varietà locali stabili che si sono dimostrate efficaci e redditizie in passato. La Colombia non è nuova per la cannabis.
Posizionamento geografico ed esposizione naturale. Situata lungo la fascia equatoriale, la Colombia è uno di quei paesi Privilegiati che ha una esposizione naturale di 12 ore tutto l'anno, che è la giusta quantità di luce per far fiorire la pianta di cannabis in boccioli ricchi di tricromi. In Colombia, a seconda della varietà e della configurazione della coltivazione, è possibile avere fino a 4 cicli di coltivazioni all'anno senza la necessità di luce artificiale (e il relativo costo energetico associato), ad eccezione del periodo di crescita vegetativa. Il Paese è anche molto ben posizionato nel mezzo del continente americano, con accesso sia all'oceano Atlantico che dal Pacifico, relativamente vicino agli Stati Uniti e molte altre destinazioni verso cui esportare.
Altitudine con cime innevate e ogni altro clima possibile. Si trova tra la catena montuosa più imponente del mondo che conduce all'Amazzonia. La diversità di climi e regioni rende la Colombia ideale per attività di allevamento e ricerca.
Costo del lavoro e qualifiche. La Colombia è il 2do più grande fornitore di fiori, il terzo maggiore fornitore di caffè e il quinto maggiore fornitore di banane. Quindi, la Colombia ha già una forza lavoro altamente qualificata quando si tratta di imprese agronomiche e gli stipendi sono molto più bassi che in Canada e negli Stati Uniti.
Legislazione. L'attuale legislazione potrebbe avere delle lacune e sicuramente molto altro da migliorare, ma al momento il quadro giuridico rende possibile lo sfruttamento sia della cannabis psicoattiva che di quella non psicoattiva (canapa), per uso nazionale (44 milioni di abitanti) ed esportazione. Permette l'importazione e l'esportazione di prodotti, precursori e semi. Prevede anche l'uso della canapa industriale per le molteplici applicazioni con la fibra, oli di semi e così via. Infine, stabilisce un protocollo chiaro per commercializzare le componenti psicoattive della cannabis in conformità con le indicazioni stabilite dall'INCB. Avendo letto e confrontato molte altre legislazioni, la Colombia sembra essere la più adatta per una reale crescita molto alta.
Con i prezzi canadesi, nel mercato legale, che sono superiori al mercato tradizionale, i rivenditori illegali rappresentano sempre un rischio per l'industria legale. Con la capacità della Colombia di produrre cannabis più a buon mercato, possiamo aspettarci che il Canada e le altre nazioni inizino ad assicurarsi sempre più la cannabis coltivata in quel Paese. Se la Colombia continuerà la sua tendenza verso la piena legalizzazione, vedrà crescere la sua quota di mercato e potrebbe diventare il principale esportatore mondiale di cannabis. Nessuno sa cosa riserva il futuro, ma sembra abbastanza chiaro che c'è un nuovo attore importante emergente e tutti dovrebbero iniziare a prendere nota.

(articolo di Anthony Johnson, pubblicato sulla rivista della International Cannabis Business Conference – ICBC – del 11/07/2019)
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori