testata ADUC
Marijuana e reati. A Baltimora (USA) si è deciso di non perseguirli
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
30 gennaio 2019 16:34
 
 Baltimora ha il più alto tasso di omicidi tra le grandi città della nazione e uno dei rapporti più bruttu tra la sua polizia e la sua cittadinanza. Solo uno su quattro omicidi è stato risolto l'anno scorso. E l'applicazione delle leggi sulla marijuana viene fatta quasi esclusivamente sugli afro-americani.
Alla luce di questa terribile serie di fatti, martedì 29 gennaio il procuratore generale della città ha annunciato che non si occuperà più di casi di marijuana, una iniziativa che potrebbe migliorare le relazioni tra polizia e comunità e consentire alle forze dell'ordine di dedicare più tempo ai gravi atti di violenza.
"Se chiedi a quella mamma il cui figlio è stato ucciso dove preferisce che spendiamo il nostro tempo e la nostra attenzione - se risolvere quell'omicidio o nell’applicazione delle leggi sulla marijuana - è un “gioco da ragazzi”", ha detto Marilyn Mosby (nella foto), l'avvocato dello stato di Baltimora, che ha giurato in una conferenza stampa che non perseguirà più il possesso di marijuana, indipendentemente dalla quantità o dai precedenti penali, oltre ad impegnarsi perché vengano levate quasi 5.000 condanne.

La mossa della signora Mosby la colloca all'avanguardia tra i pubblici ministeri delle grandi città, tra cui Kim Foxx a Chicago, Larry Krasner a Philadelphia, Cyrus R. Vance Jr. a Manhattan ed Eric Gonzalez a Brooklyn, che si stanno indirizzando a non più perseguire i casi di marijuana, dichiarandoli in gran parte "off limits" e, in alcuni casi, arrivando addirittura a cancellare dagli archivi vecchi mandati di arresto o condanne.
Gran parte del loro ragionamento si rifà alle numerose campagne che in tutto lo Stato hanno portato alla legalizzazione: la marijuana, dicono, non è legata al crimine violento. L'applicazione del divieto è uno spreco di risorse e ha lasciato migliaia di persone con condanne penali che ostacolano la ricerca di lavoro e di alloggio.
Sempre più spesso, anche un altro argomento si sta facendo strada: non considerare i casi di marijuana rende le comunità più sicure, spostando l'attenzione sugli arresti per violenza e nel districare la pesante eredità della discriminazione razziale, facendo sì che nei quartieri cresca la fiducia verso i poliziotti, in un contesto che oggi li vede invece isolati quando cercano aiuto per risolvere i crimini.
"Come puoi credere che la gente voglia collaborare con noi", ha detto la signora Mosby in un'intervista nel suo ufficio, "quando fermi, perquisisci e arresti la gente per possesso di marijuana?”

La polizia di Baltimora, comunque, non condivide il suo punto di vista, e la reazione al suo annuncio è stata di mettere subito in dubbio l’efficacia di questo metodo. Il sindaco, Catherine E. Pugh, ha elogiato il tentativo della signora Mosby sulla necessità di non "criminalizzare" i consumatori di marijuana, ma non ha approvato questa nuova politica.
Il commissario provvisorio di polizia, Gary Tuggle, ha fatto sapere che non avrebbe consigliato agli agenti di smettere di fare arresti per la marijuana.
"Senza la polizia, questo è solo un teatrino politico", ha detto Thiru Vignarajah, ex vice procuratore generale del Maryland che ha corso contro la signora Mosby nelle primarie democratiche del 2018. Vignarajah ha notato che molti di coloro che vengono trovati con la marijuana in questi giorni sono persone già segnalate in merito e che, comunque, non gli è stato impedito di continuare a fare ciò che volevano.

Più del 90% delle segnalazioni giudiziali di marijuana tra il 2015 e il 2017 sono state rilasciate a residenti negri, che rappresentano circa i due terzi della popolazione.

Altri critici sull’iniziativa del procuratore hanno definito l'annuncio troppo limitato e troppo tardivo. Tre’Murphy, un attivista della Black Leaders Organizing for Change, ha inizialmente espresso il proprio sostegno. "Wow, è una revisione importante", ha detto. Ma poco dopo, il suo scetticismo ha avuto la prevalenza e si è chiesto perché questo non fosse accaduto prima della fine del secondo mandato di Mosby. "Non penso che possiamo permetterci di aspettare questi tempi lunghi", ha detto. "Finché non riconosciamo il danno che molte di queste politiche hanno causato e ricostruiamo queste istituzioni da zero, la gente non si fiderà mai".

Il primo mandato della signora Mosby è stato caratterizzato da una serie di epici scandali della polizia, che l'hanno messa in contrasto con il dipartimento. Altri magistrati di tutto il Paese si sono mossi più rapidamente sulla questione.

A Chicago, la signora Foxx ha detto che il suo ufficio si impegnerà per cancellare tutte le condanne per reati di marijuana. Nella contea di St. Louis, Wesley Bell non punirà nessun caso di marijuana con importi inferiori a 100 grammi. A Boston, Rachael Rollins si è impegnato a smettere di perseguire il possesso personale e il possesso di droga con l'intenzione di spaccio, e questo insieme ad altri 13 reati.

I sostenitori della depenalizzazione hanno plaudito alle nuove regole della Mosby. Le persone non saranno quindi perseguite per possesso di marijuana e non saranno accusate di distribuzione o di intenzione di distribuire solo in base alla quantità – per poterli perseguire ci devono essere anche altri elementi che facciano pensare allo spaccio di droga, come bilance o sacchetti di plastica.
"Questo è importante per arrivare al prossimo passo, è un modo coerente di affrontare il problema avendo a che fare con persone che usano marijuana ma non per trarne profitto", ha detto Jolene Forman, un avvocato della Drug Policy Alliance.
La Mosby ha detto che le persone accusate del reato di distribuzione per la prima volta saranno automaticamente indirizzate a un programma di recupero per aiutarle ad entrare nel mercato del lavoro. Il completamento con successo di questo programma biennale potrà portarle ad essere sollevate dal caso.
La nuova politica non si applicherebbe nei casi in cui un imputato deve affrontare accuse multiple, come il possesso sia di marijuana che di un fucile, ha detto la procuratrice Mosby. Inoltre il suo ufficio cercherà anche di approvare norme che dovrebbero rendere meno oneroso per i pubblici ministeri annullare una condanna quando le circostanze lo giustifichino.

I dipartimenti di polizia e i sindacati hanno talvolta fatto resistenza a questi ampi usi della discrezionalità del pubblico ministero, sostenendo che sfidano i legislatori. La Mosby ha replicato che quando ha informato il Commissario Tuggle "che sentiva che la marijuana guidasse il crimine violento, gli ho spiegato che non era così."
Dopo il suo annuncio, il commissario ad interim ha rilasciato una dichiarazione che conferma che gli arresti continueranno "a meno che e fino a quando il legislatore non cambierà le leggi." Un nuovo commissario di polizia, Michael Harrison del Dipartimento di Polizia di New Orleans, arriverà il mese prossimo - la quinta persona che viene cambiata per dirigere il dipartimento da quando la signora Mosby è in carica.
Nel 2016, Harrison ha approvato pubblicamente il cambio di norme che hanno permesso alla polizia di New Orleans di gestire la maggior parte dei casi di possesso di marijuana solo con una convocazione presso i loro uffici, mentre i suoi agenti, per far arresti connessi alla marijuana, potevano farlo solo dopo il suo permesso.
A Baltimora, la polizia ha pochi motivi per affermare che lo status quo funziona bene.
Per prima cosa c'è stato il caso scioccante della Gun Trace Task Force, i cui agenti hanno derubato i cittadini. Poi ci sono stati i video delle telecamere di sorveglianza che hanno mostrato gli agenti che inquinavano le prove. Una recente indagine di Buzzfeed e TheTrace.org ha messo in luce l'incapacità del dipartimento di venire a capo delle sparatorie, in alcuni casi persino di fare indagini.
La credibilità del dipartimento è così lacerata che ad aprile, quando il commissario di polizia stesso ha testimoniato di aver trovato una pistola carica nel vano portaoggetti di un autista, la giuria ha assolto l'uomo.
Un accordo con il Dipartimento di Giustizia per correggere le disparità razziali sistematiche e l'uso eccessivo della forza si è rivelato una sorta di sfida. La scorsa settimana, il giudice che ha supervisionato l'accordo ha affermato che il dipartimento sembrava avere una "cultura della timidezza" quando si trattava di affrontare la corruzione.
La Mosby è stata considerata come una figura di divisione, in particolare dopo aver gestito il caso di Freddie Gray, la cui morte per le ferite riportate durante la custodia della polizia hanno provocato settimane di disordini. Mosby aveva accusato sei agenti di questa morte, ma poi – dopo la sospensione di una giuria sospesa e tre assoluzioni - ha smesso di accusare, dando la colpa all'incapacità del Dipartimento di polizia di condurre un'indagine imparziale. La procuratrice è stata attaccata sia per essere troppo progressista che per non essere abbastanza progressista.
Ma l'anno scorso, è apparso evidente che la Mosby aveva capito ciò che stava accadendo: le comunità della città sovraccaricate per infrazioni minori e poco protette dalla violenza, con gravi crimini irrisolti nei quartieri.
Nelle elezioni primarie del 2018, ha sconfitto Vignarajah e un altro candidato, Ivan Bates, con ampio margine, e non ha avuto oppositori alle elezioni generali.

(articolo di Shaila Dewan, pubblicato sul quotidiano The New York Times del 30/01/2019)
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori