testata ADUC
Guerra alla droga in Messico. Come il cartello di Sinaloa è diventato una potenza transnazionale grazie alla CIA
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
24 novembre 2019 18:43
 
 Un'alleanza tra la Central Intelligence Agency (CIA) degli Stati Uniti e i cartelli della droga, insieme ai governi messicani, tre decenni fa, ha fatto diventare il cartello Sinaloa un'organizzazione transnazionale con il potere di sfidare lo Stato messicano, come è accaduto il 17 ottobre nella città di Culiacán, dopo la cattura e il rilascio di un figlio del trafficante di droga Joaquín 'Chapo' Guzmán.
Ma mentre le controversie territoriali tra i cartelli hanno portato il Messico a registrare livelli record di violenza, l'accademico José Luis Velasco Cruz, professore all'Istituto per la ricerca sociale dell'Università Nazionale Autonoma del Messico (UNAM), sostiene che la vera missione dell'attuale governo ha affidato ai militari non la fine delle organizzazioni del traffico di droga, ma la ricostruzione dello Stato messicano, dopo le devastazioni sociali lasciate dal palcoscenico neoliberista.
Secondo l'esperto, che dirige un progetto per cercare di capire la violenza del traffico di droga nel paese e le sue relazioni con i processi politici, la strategia di sicurezza dello Stato messicano negli ultimi decenni è stata mirata a contenere la violenza dei cartelli, invece di sradicarli. Una situazione che, in ogni caso, rimane praticamente intatta.

Il patto tra la CIA e i trafficanti di droga di Sinaloa
Per Velasco, l'origine di questa storia risale agli anni '70, con l'intervento degli Stati Uniti in America Latina attraverso l'Operazione Condor, un piano progettato da Henry Kissinger per sostenere le dittature di destra nella regione e porre fine alla «Minaccia comunista». Questa strategia includeva il sostegno ai governi autoritari per porre fine agli oppositori, che ha generato una collaborazione sempre più stretta tra i servizi di intelligence statunitensi e le fiorenti organizzazioni del traffico di droga, che sono state utilizzate nelle operazioni clandestine di controinsurrezione.
Questa relazione tra la CIA e il narco fu ulteriormente rafforzata in Messico negli anni '80, quando in un contesto di crisi economica e rivoluzioni sociali in America Centrale, la CIA, il cartello di Guadalajara e l'ormai estinta direzione della sicurezza federale (DFS) ) del Messico, stabilirono un patto che spiega la crescita e l'internazionalizzazione dei cartelli della droga messicani.
Quella collaborazione tra il cartello di Sinaloa, il governo messicano e gli Stati Uniti per sostenere il la destra in Nicaragua, in El Salvador e in Guatemala, è stata ciò che ha dato l'enorme spinta al traffico di droga messicano.
«A volte l'alleanza tra il cartello di Sinaloa e l'apparato di sicurezza del Messico e degli Stati Uniti è particolarmente sottovalutata, in particolare negli anni '70 e '80. I trafficanti di droga di Sinaloa si stabilirono a Guadalajara all'inizio degli anni '80 - che lasciarono Sinaloa dopo l'operazione Condor alla fine degli anni '70 - e collaborarono con il DFS del Messico e con la CIA nella guerra centroamericana, una storia abbastanza raccontata, ma il cui impatto sull'ulteriore sviluppo del traffico di droga in Messico è stato dimenticato», afferma Velasco.
«Quella collaborazione tra il cartello di Sinaloa, il governo messicano e gli Stati Uniti è stato ciò che ha dato l'enorme spinta al traffico di droga messicano, permettendogli di passare da un'attività locale, bi-nazionale, a un'autentica impresa transnazionale", afferma l'accademico. (...)

L'intervento delle agenzie statunitensi nel mercato illegale della droga è stato anche esposto dal giornalista Gary Webb, che ha documentato il modo in cui la CIA ha facilitato la vendita di crack in California per finanziare operazioni anticomuniste anche in America Centrale.

Ed è stato proprio durante questo periodo che le autorità statunitensi hanno bloccato la rotta della cocaina attraverso i Caraibi per aprire la strada ai cartelli messicani, collusi con le agenzie statunitensi.

“Mentre la rotta dei Caraibi fioriva, i messicani avevano poche opportunità di partecipare a quel mercato. La rotta naturale dalla Colombia agli Stati Uniti è attraverso i Caraibi, ma quella rotta è stata bloccata ed è stata fatta un'alleanza con i trafficanti di droga. Ciò ha dato ai messicani e in particolare a quelli di Sinaloa, con sede a Guadalajara, l'ingresso come leader nel settore della cocaina”. Un evento che spiegherebbe l'emergere del cartello di Sinaloa come frammentazione del cartello di Guadalajara. Non ci è voluto molto perché i trafficanti di droga di Sinaloa diventassero la principale organizzazione di traffico di droga a livello globale.
Negli anni '90, il cartello di Sinaloa avrebbe continuato la sua espansione territoriale e operativa, rafforzando al contempo la sua alleanza con alti funzionari dello Stato messicano, in un contesto sociale caratterizzato da crisi economiche. (...)
Pertanto, il traffico di droga è stato visto in diverse regioni del Messico come un'alternativa alla crisi economica, come è accaduto con la migrazione verso gli Stati Uniti a causa delle precarie condizioni di vita che hanno prevalso nel territorio messicano. Due fattori che, secondo Velasco, mitigherebbero e compenserebbero per qualche tempo le devastazioni sociali del modello neoliberista in Messico.
"Il governo del Messico lo ha visto come un'opportunità, equivalente alla migrazione verso gli Stati Uniti, come un modo per eliminare la tensione dall'economia e dalla struttura sociale". (...)
Ma il vero problema è arrivato quando il mercato della droga è diventato molto violento, a causa della caduta del consumo di cocaina negli Stati Uniti durante i primi anni del XXI secolo, nonché di una crescente concorrenza tra i cartelli messicani della droga.
«La cocaina ha perso molto della sua redditività. Quelli di Sinaloa per mantenere il loro livello di affari dovevano attaccare i loro storici rivali del Golfo e iniziò la guerra tra trafficanti di droga”.
L'accademico ritiene che la prima reazione del governo messicano sia stata "lasciarsi uccidere a vicenda", fino a quando la violenza non ha raggiunto livelli scandalosi in luoghi come Tamaulipas, nel 2005. Ciò ha dato origine al presidente Felipe Calderón vedendo "un'opportunità per legittimare e accentuare quella lotta contro la criminalità organizzata", dopo aver decretato la cosiddetta "guerra al traffico di droga", e dopo essere stato accusato di aver commesso una frode elettorale nelle elezioni presidenziali del 2006.
"Ma gli obiettivi pratici delle forze armate in Messico non erano di distruggere le organizzazioni del traffico di droga, ma solo di contenere la loro violenza, di punire coloro che creavano molto scandalosi".

Quindi, alcuni funzionari del governo di Calderón, come il generale Mario Acosta Chaparro, che ha partecipato alla guerra sporca per far sparire gli oppositori negli anni '70 ed è stato imprigionato per presunti legami con il traffico di droga, si dice che sia stato il mediatore del governo federale coi cartelli della droga, prima di essere ucciso nel 2010, in occasione di un intrigo politico.
"Questa collaborazione tra trafficanti di droga e governi è vista come corruzione, ma in realtà fa parte della strategia dello Stato messicano", afferma Velasco, che ritiene che questa collaborazione inconfessabile potrebbe persino spiegare casi come l'Ayotzinapa.

(articolo pubblicato su CE NoticiasFinancieras del 23/11/2019)
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori