testata ADUC
Guerra alla droga. I cartelli messicani nella lista Usa dei gruppi terroristici?
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
27 novembre 2019 10:10
 
 Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha annunciato ieri 26 novembre durante un'intervista televisiva che intende considerare i cartelli messicani come gruppi terroristici. La misura aprirà inevitabilmente un altro fronte con il governo messicano di Andrés Manuel López Obrador. "Il Messico non ammetterà mai alcuna azione che significhi violazione della sua sovranità nazionale", ha scritto martedì il ministro degli Esteri messicano Marcelo Ebrard sul suo account Twitter. La questione era sul tavolo dopo che un portavoce del LeBarón, la famiglia di nazionalità americana e messicana vittima di un massacro all'inizio del mese ai confini tra Sonora e Chihuahua, ha chiesto aiuto alla Casa Bianca questo fine settimana.
Il piano non nasce a seguito di questo sanguinoso evento, che un gruppo criminale avrebbe commesso, ma è allo studio da mesi, secondo il presidente degli Stati Uniti. "Ci ho lavorato negli ultimi 90 giorni, si sa che la designazione non è facile, occorre seguire un particolare iter e lo stiamo facendo", ha spiegato nel programma del giornalista conservatore Bill O'Reilly, No Spin News.
Il governo del Messico ha risposto rapidamente dopo l'annuncio di Trump a O'Reilly. Il cancelliere di López Obrador, Marcelo Ebrard, cercherà il suo omologo americano, Mike Pompeo, per comprendere le implicazioni della misura. "Il governo del Messico cercherà di tenere quanto prima un incontro di alto livello per presentare la posizione messicana", ha dichiarato il ministero degli Esteri in una nota. "Il rispetto reciproco è la base della cooperazione", ha aggiunto Ebrard in un tweet.
I funzionari messicani cercheranno inoltre di proporre a Washington una tabella di marcia su questioni che incidono sulla sicurezza in entrambe le nazioni. Tra queste, il commercio di armi dagli Stati Uniti al sud, i flussi monetari delle organizzazioni criminali e il traffico in Messico di precursori chimici per la fabbricazione di droghe che vengono poi vendute nel territorio americano.
Lunedì 25 novembre, il Messico aveva già esternato pubblicamente il rifiuto di questo approccio. Ebrard ha respinto l'inclusione dei gruppi criminali messicani nell'elenco dei terroristi di Washington. "La questione del narcoterrorismo ha implicazioni legali, considerando che gli atti sono molto gravi, ma ha un impatto legale internazionale. È scomodo e non necessario", ha detto.
L'annuncio conferma alcune cose già dette in precedenza: Trump lo aveva già accennato a marzo in un'intervista con il media digitale Breitbart. Di conseguenza, i deputati repubblicani Mark Green e Charles Roy hanno chiesto formalmente che questa decisione fosse presa tramite una lettera al capo del Dipartimento di Stato, Mike Pompeo. L'ultimo tentativo è stato guidato dalla comunità mormone di Langford-LeBar, coinvolta dalla violenza di poche settimane fa.
Famiglie binazionali, LeBarón e Langford vivono da decenni tra Messico e Stati Uniti. In Messico, le loro comunità sono a Chihuahua e Sonora. All'inizio di novembre, un gruppo armato avrebbe attaccato un convoglio di tre furgoni con donne e bambini che avevano lasciato la comunità di Sonora. Tre donne e sei bambini sono stati uccisi.
Dopo il massacro, Trump ha chiesto un pesante intervento al governo messicano ed ha fatto sapere che gli Stati Uniti avrebbero inviato l'esercito a sud del confine se il Messico lo avesse richiesto. LeBarón ha anche richiesto determinazione d parte del governo di López Obrador. Una delle voci più ascoltate della famiglia, Julián LeBarón, ha insistito molto ché le autorità messicane secondo lui non stavano tenendo fede alla loro responsabilità di proteggere i cittadini. Questa domenica 24 novembre, Bryan LeBarón ha pesentato una petizione sul sito web della Casa Bianca affinché il Dipartimento di Stato includa i cartelli nella sua lista di organizzazioni terroristiche straniere.

Quali cartelli
La domanda è cosa significhi “cartello” per il governo degli Stati Uniti, e una volta incluso nella lista quali conseguenze avrebbe. La dott.ssa Iliana Rodríguez Santibáñez, professoressa e ricercatrice della Tec de Monterrey, afferma che gli Stati Uniti dovrebbero prima definire proprio questo. "Sarebbe necessario comprendere quale cartello includere. Perché non tutti i gruppi criminali generano terrorismo. Quando al Qaeda inizia a frammentarsi, sorgono gruppi, ma non tutti sono stati inclusi nell'elenco."
Per Rodríguez Santibáñez, il problema di includere le organizzazioni criminali messicane in questo elenco risiede soprattutto nelle conseguenze economiche. "L'impatto è economico, in termini di investimenti e congelamento delle attività", spiega. "Non è una questione di intervento diretto, ciò non accade. Dire che un territorio ha organizzazioni terroristiche è dire che quello Stato è incapace, cioè che ha uno Stato di diritto debole".
A seguito delle minacce di Trump, l'internazionalista Mauricio Meschoulam ha scritto alcuni mesi fa: "Il terrorismo, piuttosto che una categoria di violenza, è usato come etichetta politica per favorire, sostenere o promuovere determinati programmi (…). L'uso di quell'etichetta da parte di Washington non ci dice nulla sul fatto che una organizzazione usi o meno il terrorismo come tattica. L'unica cosa che ci dice è che la Casa Bianca intende lanciare un'offensiva contro quel gruppo e il Paese a cui appartiene, che può includere sanzioni economiche e operazioni in Paesi stranieri". Sentio oggi, Meschoulam ha affermato che la sua opinione è esattamente la stessa di allora.

(articolo di Amanda Mars e Pablo Ferri, pubblicato sul quotidiano El Pais del 27/11/2019)
 
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori