testata ADUC
Guerra alla droga. Caro Quinterno, il narco più ricercato dalla DEA
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
22 luglio 2019 14:20
 
La maglietta che Joaquín Guzmán Loera, El Chapo, ha indossato la notte in cui è stato estradato negli Stati Uniti il ??20 gennaio 2017, è incorniciata sul muro dell'ufficio dell'agente speciale Ray Donovan con il numero di matricola scritto in nero: 3912 El Chapo, El Rápido, El Señor, El Jefe, El Nana, El Apá, El Viejo, El Papa. Sotto mille falsi alias, l'ombra del più grande narcotrafficante del pianeta aveva accompagnato Donovan per gran parte della sua carriera, iniziata negli anni Novanta, dapprima pattugliando in California e poi a New York, alla ricerca di chili di cocaina sotto camion pieni di cocomeri. Nel 2012 è stato assegnato alla divisione Operazioni speciali dell'Agenzia antidroga (DEA), che entra direttamente in azione in diversi Paesi, coordinati con le autorità locali, dalla sede centrale in Virginia.

El Chapo, il leader del cartello di Sinaloa, il grande fornitore di droga di New York, l'autore di centinaia di morti e torture, il ragazzo che era fuggito dalla giustizia, per la prima volta, nel 2001... El Chapo era la fissazione di Ray Donovan. Assegnato alla sezione che controllava Canada, Messico e America Centrale, ha supervisionato l'operazione che ha portato al suo nuovo arresto nel febbraio 2015. Ma fuggì di nuovo. Quando un aereo lo ha portato finalmente a rispondere alla giustizia degli Stati Uniti, quasi due anni dopo - era stato ricatturato nel gennaio 2016 - non c'era molta da aggiungere: l'indumento che il prigioniero 3912 indossava doveva essere dato come cimelio all'agente che ne aveva fatto una sua fissazione.

Indagare persone “così e così “ per tanti anni diventa qualcosa di personale, un'ossessione? "Lo sogni, ti ossessiona, o semplicemente quello che provi è scoprire come trovarlo, come arrivare alla sua organizzazione", spiega l'agente speciale dal suo ufficio a Manhattan.

Nato e cresciuto nel Bronx, con origini portoricane e irlandesi, Ray Donovan ha un nome televisivo difficile. C'è, infatti, una serie televisiva con quel nome, una miscela di antieroi e "uomo per tutto" che si muove nelle fogne di Hollywood. Il vero Donovan ha anche vissuto storie di film, ma il sangue versato dal cartello di Sinaloa è reale, come le notti di insonnia e le ossessioni. La fuga di Joaquin Guzman si è conclusa lo scorso mercoledì, quando un giudice di Brooklyn lo ha condannato all'ergastolo; ma la battaglia di Donovan è ancora calda: ora è a capo della New York Drug Enforcement Agency e New York è il principale hub di eroina negli Stati Uniti.

"Il cartello di Sinaloa continua a controllare la maggior parte dei mercati di distribuzione negli Stati Uniti. La gente pensa a El Chapo, ma abbiamo Ismael El Mayo Zambada [che, insieme a Guzmán, è stato considerato l'uomo più potente del cartello Sinaloa], i figli di El Chapo, Iván e José Alfredo, anche suo fratello, continuano a produrre metamfetamina, coltivano oppio e trafficano fentanil e cocaina negli Stati Uniti, Mayo è il nuovo leader, ma per noi ce un’altra persona molto importante, Rafael Caro Quintero", dice.

La faccia dell'agente cambia quando pronuncia il nome della persona conosciuta come Narco de Narcos. "La priorità numero uno della DEA è Rafael Caro Quintero, ha ucciso uno dei nostri agenti, Kiki Camarena", dice, "ci sono anche i figli di El Chapo, ovviamente, e gli altri, tutti sono sul nostro sito web, ma per noi Rafael Caro Quintero è qualcosa di personale."

Kiki [Enrique] Camarena era un agente sotto copertura della DEA che operava in Messico negli anni ottanta. Secondo la giustizia, nel 1985 fu rapito dal cartello di Guadalajara e torturato con sadismo, mentre un medico lo teneva in vita per prolungare la sua sofferenza. Quando hanno trovato il corpo, gli esami hanno rivelato che era stato castrato e sepolto vivo. Caro Quintero fu condannato a 40 anni, ma nel 2013, 12 anni prima per completare tutta la pena, una giuria ritenne che ci fosse un difetto di forma e fu rilasciato. Quando quella controversa sentenza fu invalidata, il narco era già diventato invisibile. Da quando è uscito dal carcere, dice l'agente, "è tornato ai suoi affari, il contesto non è lo stesso, ma ovviamente è tornato ad operare nel traffico".

Il business della droga è stato trasformato negli ultimi decenni grazie ai cambiamenti tecnologici ed economici, come se fosse una cosa diversa. A New York, "il riciclaggio di denaro era storicamente controllato dai colombiani, ma ora sono le reti criminali cinesi in congiunzione con i cartelli messicani". Anche il modo di eseguire le transazioni è cambiato. "Prima i trafficanti avevano bisogno di avere un contatto in Messico, Colombia, Guatemala, Repubblica Dominicana ... Un punto di contatto, che oggi non è più necessario, possono andare avanti col buio del web, per chiedere quello che vuoi e lo spediscono davanti alla porta di casa tua: vengono chiesti chiedono 100 grammi in un sito, 300 in un altro, e poi altri 300 ... e il tutto arriva a loro”, spiega Donovan.

Usano criptovalute e servizi di trasporto utilizzati dal resto del mondo. "DHL, FedEx, UPS, anche il servizio postale pubblico, e se l'aeroporto JFK riceve un milione di pacchi al giorno, questa è la sfida che dobbiamo affrontare". "Abbiamo casi", continua l'agente, "di persone che non hanno mai viaggiato in Messico nella loro vita, ma iniziano il loro business nei garage dei loro genitori", aggiunge spalancando gli occhi. "Prendono la droga dalla Cina e la distribuiscono in tutto il mondo, molte volte comprano macchinari per produrre le pillole e li usano per convertire il fentanil in qualcosa che assomiglia a una pillola farmaceutica, come Oxycontin, la vendono per strada come se fosse innocua e la gente muore."

L'uso combinato di fentanil, uno dei farmaci più letali della storia - 100 volte più potente della morfina e 50 volte più dell'eroina - ha causato migliaia di morti negli Stati Uniti. Il numero di morti per overdose di droga, in generale, è aumentato dal 1990 al 2018, quando invece si è registrato un lieve calo. Gli allarmi sono esplosi nel 2016: quell'anno tanti americani sono morti per quel motivo, nello stesso numero di quanti sono morti nei 19 anni della guerra del Vietnam.

Durante l'intervista, Donovan sottolinea che nulla di ciò che l'agenzia farebbe sarebbe possibile senza la collaborazione messicana, i soldati e l'Ufficio del Procuratore. Non vuole, insiste, "che la gente creda che la DEA stia andando in quei Paesi a fare tutto il necessario". La collaborazione è molto stretta e l'ultimo arresto di El Chapo, è un lavoro puramente messicano. La sua ultima fuga, quella del 2015, è stata un duro colpo morale, ma Donovan dice che ha sempre confidato di poterlo catturare di nuovo. "Grazie a tutto il lavoro precedente sapevamo molto di più su di lui, sulle sue abitudini, su chi si fidava, sulla sua famiglia, sui suoi collaboratori ... Coi nostri agenti in Messico, col governo messicano, ci siamo ritrovati tutti insieme in un grande incontro a San Diego e abbiamo detto: "Facciamolo di nuovo".

El Chapo è già nel carcere di massima sicurezza Supermax, in Colorado, conosciuto comunemente come El Alcatraz de las Rocosas, il luogo in cui passerà il resto dei suoi giorni. Ma la DEA non dimentica gli altri, specialmente Caro Quintero.

(articolo di Amanda Mars, pubblicato sul quotidiano El Pais del 21/07/2019)
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori