testata ADUC
I 'danni collaterali' della guerra antidroga del presidente delle Filippine
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
27 maggio 2020 18:28
 
Il 27 gennaio Ronjhay Furio, 8 anni, si è messo in fila davanti ad una bancarella di Manila per comprare isaw, un popolare spiedino di pollo alla griglia di cui era entusiasta. Quel giorno aveva appena aiutato suo zio a sistemare il suo minibus e, sfinito e affamato, corse a rilassarsi. Ma mentre aspettava il suo turno, quattro uomini armati arrivarono improvvisamente su due motociclette e aprirono il fuoco su un gruppo di persone che si erano radunate vicino alla posta. I proiettili hanno ferito il presunto bersaglio dell'incursione, un uomo di 52 anni, ed hanno anche trafitto l'addome del piccolo Ronjhay, che è morto nella sparatoria. Secondo un rapporto presentato mercoledì da Human Rights Watch (HRW), 101 minori sono stati uccisi tra luglio 2016 e dicembre 2018 nella campagna per combattere il traffico di droga nelle Filippine.

“Era molto gentile e attento ai suoi fratelli. Stava solo aspettando il suo cibo quando sono arrivate quellepersone”, ha riferito un parente del ragazzo. Secondo la famiglia di Ronjhay, questi episodi sono parte della campagna antidroga avviata dal presidente Rodrigo Duterte nelle Filippine da quando è stato eletto a giugno 2016. Secondo la polizia, da allora sono morti 5.601 sospetti trafficanti o consumatori. Le organizzazioni per i diritti umani e gli attivisti aumentano il numero a 27.000, uccisi da poliziotti in uniforme, vestiti con abiti civili o sicari.
Il caso di Ronjhay è f parte di questo rapporto. La nostra famiglia felice non esiste più: l'impatto della guerra alla droga sui bambini nelle Filippine - che descrive in dettaglio come la battaglia contro i narcotici ha colpito migliaia di bambini o ha fatto perdere diversi parenti stretti - a volte uccisi davanti a loro - o direttamente vittime della violenza. L'organizzazione, che cita come fonte la ONG per i diritti dei bambini delle Filippine, precisa che almeno 101 bambini sono stati uccisi tra luglio 2016 e dicembre 2018, a volte obiettivi diretti delle incursioni e altre semplicemente per essere stati nel posto sbagliato al momento sbagliato. HRW sostiene che i media filippini hanno riportato più morti per minori negli ultimi due anni, come quello di Ronjhay. Le autorità filippine li chiamano "danni collaterali".
"I bambini filippini hanno sofferto orribilmente della decisione del presidente Duterte di schierare la polizia e i loro criminali contro sospetti tossicodipendenti", afferma Carlos Conde di HRW nelle Filippine. “La guerra alla droga lascerà ferita una generazione di filippini, probabilmente per sempre. Non riesco a immaginare come questa follia avrà un impatto sulla vita dei minori tra cinque o 10 anni”, ha detto Conde in una conferenza stampa a Manila per presentare il rapporto. L'organizzazione, per realizzare il rapporto, ha intervistato tra febbraio 2018 e marzo di quest'anno 49 persone provenienti da sei città filippine, tra cui Manila: 10 minori, 23 genitori, parenti o tutori; e 16 funzionari governativi e rappresentanti di ONG locali.
Secondo i loro dati, molti bambini soffrono di stress e tutti gli intervistati hanno a che fare con situazioni economiche peggiori a causa della morte della persona che era normalmente il capo della famiglia. L'aumento della povertà e dei problemi hanno portato molti bambini a lasciare la scuola, mentre altri sono vittime di abusi scolastici a causa dello stigma che un membro della famiglia era presumibilmente legato alla droga.
È il caso del giovane identificato come Jennifer M., della città di Quezon (nel sud dell'isola di Luzon), che a 12 anni ha visto i poliziotti che hanno ucciso suo padre, Benigno M., sul divano di casa sua a Dicembre 2016. La polizia ha assicurato che l'uomo era un trafficante e che aveva fatto opposizione all’arresto. Ma Jennifer, che ha raccontato a HRW di avere in seguito anche subìto abusi a scuola, sostiene un'altra versione dei fatti. "Ero confuso, perché mio padre? Sebbene abbia chiesto pietà, la polizia non lo ha ascoltato", ricorda la giovane donna.
Human Rights Watch riferisce che la "stragrande maggioranza" delle uccisioni di minori non son state sottoposte ad indagini. Ad oggi, il caso di Kian de los Santos, assassinato all'età di 17 anni da tre poliziotti nel 2017, è stato l'unico che ha portato a un processo e una pena detentiva per i colpevoli, e questo perché l'accaduto è stato ripreso dalle telecamere di sorveglianza.
Human Rights Watch invita il Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite ad avviare un'indagine internazionale indipendente sulla "guerra alla droga" nelle Filippine, comprese le violazioni contro i minori. "Se non agiamo ora, un'intera generazione di bambini filippini sarà vittima della violenza della campagna antidroga di Duterte", dice Conde.

(articolo di Paloma Almoguera, pubblicato sul quotidiano El Pais del 27/05/2020)
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori