testata ADUC
Cannabis in Usa. Meno crimini negli Stati dove è legale
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
21 luglio 2018 12:00
 
 I funzionari conservatori delle forze dell'ordine, che vanno dagli sceriffi locali al procuratore generale Jeff Sessions, hanno a lungo sostenuto che la legalizzazione della cannabis è una porta d’ingresso per l'aumento della criminalità, ma prove scientifiche dimostrano sempre più che tali affermazioni sono infondate. I sostenitori della marijuana - e anche alcune persone più sagge delle forze dell'ordine - sostengono che porre fine al proibizionismo ridurrebbe praticamente il crimine dando alla polizia più tempo e denaro per perseguire i reati più gravi, ma fino ad oggi poche indagini di mercato hanno confermato questa posizione.
Fino ad oggi. Una nuova ricerca pubblicata di recente sulla rivista Police Quarterly rivela che i poliziotti a Washington e in Colorado hanno potuto essere più presenti ed efficaci contro i crimini da quando nei loro Stati hanno la marijuana è stata legalizzata. Entrambi gli Stati fanno sapere di aver visto aumentare il tasso di efficacia della polizia nell’era post-legalizzazione -è cresciuto il numero di reati individuati e seguiti da un arresto, secondo Marijuana Moment. Il numero di crimini violenti sono diminuiti costantemente in Colorado e Washington all'inizio del decennio, ma dopo che entrambi gli Stati hanno legalizzato la cannabis nel 2012, il numero si è stabilizzato e dopo un po’ ha cominciato a calare.
"Questo suggerisce che, proprio nel periodo della legalizzazione, continui il calo dei crimini violenti in generale sia per Colorado che per Washington, anche se non si notano cambiamenti simili per gli Usa nel suo insieme", così come riferisce lo studio. Nel contempo, anche se i i reati contro le proprietà sono diminuiti negli Stati Uniti, la polizia in questi due Stati ha segnalato un aumento dei reati contro la proprietà.
"Sebbene i nostri risultati non possano spiegare in modo specifico perché ci siano questi cali in Colorado e Washington, riteniamo plausibile che la legalizzazione abbia effettivamente prodotto un impatto sulle percentuali di calo", hanno concluso i ricercatori. "I nostri dati non mostrano alcun effetto negativo della legalizzazione, e indicano che le percentuali di alcuni tipi di reati sono in calo lì dove la legalizzazione e in atto, rispetto a dove non lo è”.
Sebbene questo sia il primo studio incentrato sui tassi dei reati negli Stati dove la cannabis è legale, altre ricerche hanno evidenziato un numero crescente di circostanze favorevoli tra legalizzazione e riduzione del crimine. Nel 2014, i ricercatori dell'Università del Texas hanno scoperto che tutti gli 11 Stati dove la cannabis medica è legale, rispetto a prima del 2006 hanno avuto percentuali in calo per omicidi e aggressioni. L'anno scorso, un altro studio ha confermato che gli Stati dove la marijuana medica è stata legalizzate entro il 2015, hanno avuto riduzioni delle percentuali di omicidi e rapine. Ulteriori ricerche hanno scoperto che i dispensari di cannabis medica attirano meno reati nei loro quartieri rispetto ai negozi di alcolici o di tabacco.
Nonostante le affermazioni dei proibizionisti, le ricerche che collegano la legalizzazione della marijuana alla riduzione del crimine continuano a crescere. Le statistiche dell'FBI hanno confermato che il numero totale di reati violenti denunciati a Washington è diminuito da quando lo Stato ha legalizzato la cannabis ricreativa per gli adulti. All'inizio di quest'anno, uno studio sui reati negli Stati confinanti con il Messico, ha rilevato che quelli dove la marijuana medica è legale avevano tassi di criminalità più bassi rispetto a quelli dove non lo era. Un altro studio ha esaminato le contee vicine al confine Washington-Oregon dal 2012 al 2014, e ha scoperto che c'erano meno stupri e crimini nello Stato di Washington, dove la cannabis era legale, rispetto alle adiacenti contee dell'Oregon, dove all'epoca questa sostanza era ancora illegale.

(articolo di Chris Moore, pubblicato sulla rivista Merry Jane del 20/07/2018)
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori