testata ADUC
Cannabis legale. Il turismo in Uruguay
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
20 ottobre 2019 17:24
 
 La regolamentazione del mercato della cannabis in Uruguay non solo attira l'attenzione della gente del posto, ma cattura anche l'interesse degli stranieri non abituati a questa apertura o ad un facile accesso a informazioni di qualità sulla cannabis medica e sulla canapa. Questo contesto è ciò che consente a Montevideo oggi si proporre almeno tre itinerari turistici con percorsi, profili e costi diversi. Il suo obiettivo è avvicinare i turisti a questo tema senza promuovere il consumo. Questo tour nasce da ExpoCannabis, un evento che ha avuto la sua prima edizione nel 2014, l'anno in cui è stata lanciata la Legge 19.172 in materia di regolamentazione della produzione, distribuzione e vendita di cannabis I suoi organizzatori hanno deciso di offrire ai visitatori un'esperienza più istruttiva.
Il tour raggiunge diversi punti di Montevideo che sono stati importanti per il processo normativo: parte da Plaza Independencia, di fronte alla Torre Esecutiva dove opera il National Drug Board; segue la farmacia antartica, una delle quattro farmacie di Montevideo dove la cannabis legale prodotta dallo stato è stata dispensata per la prima volta il 19 luglio 2017; prosegue attraverso il Palazzo Legislativo dove il 13 dicembre 2013 è stata votata la legge e dove è stata scattata la foto storica dopo una marcia da Plaza del Entrevero; e raggiunge il Molino de Pérez dove ebbe luogo la prima marcia per la legalizzazione della cannabis. Il tour attraversa anche Indajaus, uno dei più grandi negozi di coltivazione del Paese e termina al Museo della Cannabis, il primo del suo genere nella regione. Il suo organizzatore, Mercedes Ponce de León, ha detto al quotidiano El País che la farmacia è una dei punti che attira maggiormente l'attenzione dei visitatori. Lì si possono vedere i modi in cui la droga entra nel mercato. Poiché non è consentito portare i visitatori in discoteche o in luoghi in cui c’è auto-coltivazione, vengono portati alla farmacia antartica accompagnati da un utente registrato. Con il supporto dei proprietari dei locali, vengono mostrati i pacchetti e spiegati i meccanismi della sicurezza.
La cosa fondamentale per gli organizzatori è far capire ai turisti che il processo di regolamentazione funziona serenamente e che sono registrati oltre 35 mila utenti. "Il tour non promuove il consumo; offre semplicemente informazioni su come è stato il percorso, come è vissuto e quali sono oggi le sue conseguenze", ha detto Ponce de León.
Il tour, guidato da una guida esperta in materia, parte ogni sabato alle 16:00 e dura tre ore. I biglietti vengono acquistati tramite TicketUno e hanno un costo di $ 1.490 (nei giorni dell'Expo il costo è di $ 1990). Eduardo Rabelino, responsabile del Cannabis Tour, ha spiegato che la proposta è nata perché i turisti di altre escursioni hanno chiesto della marijuana ed ha deciso di organizzarne una specifica. Nel contesto si spiega che questo è un Paese con leggi avanzate: uguaglianza per matrimonio, aborto, legge per orario di lavoro di otto ore, separazione tra chiesa e stato e divorzio.
Il tour lascia la porta del Museo del Carnevale e si concentra sulla Città Vecchia. Attraversa un negozio di coltivazione, l'ufficio postale uruguaiano per vedere dove devi iscriverti, attraversa la farmacia Tapié e finisce nella Cattedrale di Montevideo. Una particolarità è che i turisti sono invitati a familiarizzare con la cannabis. Maquando chiedono di più, se possono comprare marijuana e se possono fumare, viene loro spiegato come funziona il regolamento. I turisti sono sorpresi dalla libertà: trovano strano andare in un negozio di coltivazione e comprare cannabis. Il tour riprende l'attività a novembre, dal lunedì al venerdì alle 15:00. La registrazione è richiesta al numero 099 949 931. La visita è in spagnolo, inglese e portoghese. Il costo è di $ 350.
La terza opzione disponibile per un tour della cannabis di Montevideo è WeedTour.net. Questa proposta è stata realizzata da tre partner brasiliani che si definiscono amanti della cannabis alle prime armi per poter aiutare la medicina. Prima di sbarcare in Uruguay, l’hanno giò sperimentata in Italia e in Canada, Paesi che regolano la cannabis ma con norme diverse dagli uruguaiani.
"Qui il problema della cannabis per i turisti è un po' più complicato, ma la nostra è una proposta al 100% nel rispetto della legge e dell'alta qualità", ha affermato Dan Novaes, responsabile delle operazioni di WeedTour.net in Uruguay.
L'itinerario di questo tour è diverso dal Cannabis Bus Tour e dal Cannabis Tour, poiché propone di conoscere Montevideo oltre la cannabis. Inoltre, lavorano esclusivamente con clienti brasiliani e non sono escursioni di gruppo (ufficialmente ricevono coppie tra 25 e 40 anni), ma personalizzate e si spostano in auto private con autista e guida. La sua differenza è la qualità del servizio: propongono voli in classe executive oltre ad hotel e auto di lusso.
Sebbene abbiano molti pacchetti e i luoghi da visitare possano variare, il percorso più semplice include fermate nei punti turistici più conosciuti della capitale: Teatro Solís, Palazzo Salvo, Palazzo Legislativo, Faro di Punta Carretas, Giardino giapponese, Quartiere Carrasco, tra gli altri, con l'aggiunta del Museo della Cannabis. Durante la visita viene loro spiegata la regolamentazione. Un'altra caratteristica distintiva è che i suoi clienti conoscono i coltivatori riconosciuti nelle Cannabis Cup negli Stati Uniti.
Questi tour possono essere organizzati dal lunedì alla domenica. Il più accessibile è di circa $ 50, il più costoso $ 1.000. Gli organizzatori di tour della cannabis a Montevideo hanno detto a El País che gli stranieri chiedono dove possono acquistare marijuana, ma viene detto loro che solo gli uruguaiani registrati sono autorizzati dalla legge a farlo in uno dei tre modi possibili: auto-coltivazione, club di cannabis o farmacie. Le compagnie turistiche hanno preso atto che ai turisti stranieri è così garantita sicurezza e salute. Tuttavia, Cannabis Bus Tour si fa accompagnare da un utente registrato quando visitano una delle farmacie che vendono marijuana prodotta dallo Stato.

(articolo di Maria Emilia Triay, pubblicato su CE NoticiasFinancieras del 20/10/2019)
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori