testata ADUC
Cannabis legale. Possibile portarla in aereo nei voli domestici del Canada
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
6 ottobre 2018 9:25
 
 Portare la tua scorta in vacanza non è mai stato un compito facile, grazie alle leggi federali e ai trattati internazionali che vietano il possesso di cannabis sugli aeroplani. I vari creativi hanno usato molti modi esclusivi per contrabbandare l'erba oltre gli occhi vigili della sicurezza aeroportuale, ma per i canadesi questo problema sarà presto un ricordo del passato.
A partire dal 17 ottobre, giorno in cui la cannabis ricreativa diventa ufficialmente legale in Canada, a tutti gli adulti sarà consentito portare fino a 30 grammi di cannabis sui voli nazionali, sia nel bagaglio a mano che nel bagaglio da stiva. Il ministro canadese dei trasporti, Marc Garneau, ha spiegato che mentre è consentito il possesso personale sui voli nazionali, portare qualsiasi quantità di cannabis (medica o ricreativa) al di fuori del Paese rimane completamente illegale.
"Finché il volo è domestico, alle persone è permesso portare fino a una certa quantità per il loro uso personale", ha detto Garneau, secondo la Canadian Press. "Tuttavia, vorrei ricordare ancora una volta ai canadesi che, se stanno viaggiando su voli che attraversano gli Stati Uniti o vanno in altri Paesi, che le regole di quel Paese in cui stanno andando sono quelle che valgono".
L'Autorità canadese per la sicurezza del trasporto aereo (CATSA) sta attualmente lavorando per rivedere i suoi protocolli per conformarsi alla nuova legge. "Lavoriamo con Transport Canada da quando il governo ha approvato la legislazione sulla cannabis per garantire che i nostri protocolli siano coerenti con le politiche governative", ha detto la portavoce della CATSA Christine Langlois alla Canadian Press. "Ci aspettiamo di terminare le nostre procedure nei prossimi giorni."
Sebbene la maggior parte degli Stati Uniti abbia legalizzato la cannabis in una forma o nell'altra, la legge federale si applica a tutti i voli e aeroporti, e il possesso di qualsiasi forma di marijuana durante i viaggi aerei rimane proibito. Qualsiasi canadese che ammette persino di usare cannabis, per i funzionari degli Stati Uniti - anche in uno Stato in cui la marijuana è legale - può essere bandito dall'entrare nel Paese per tutta la vita. Queste stesse leggi vietano tecnicamente agli americani di portare la loro erba da uno Stato in cui la cannabis è legale ad un altro (sebbene molti viaggiatori abbiano trovato soluzioni alternative). Per evitare potenziali problemi, un aeroporto della California ha inserito messaggi informativi sui contenitori della sicurezza che poi vengono scansionati, per ricordare ai passeggeri di liberarsi della propria cannabis prima dell'imbarco, mentre l'aeroporto di Las Vegas ha predisposto dei contenitori in cui lasciare la propria erba (senza conseguenze legali) prima di partire.
L'aeroporto internazionale di Los Angeles (LAX) ha preso una iniziativa più audace in merito. "Il dipartimento di polizia dell'aeroporto di Los Angeles permetterà ai passeggeri di spostarsi nello stesso aeroporto con un massimo di 28,5 grammi di marijuana e 8 grammi di erba concentrata", hanno recentemente chiarito i funzionari dell'aeroporto (anche se la politica è in vigore dal 2017). Questa è una grande notizia per i californiani che viaggiano all'interno dello Stato, ma chiunque tenti di esportare erba dal Golden State è ancora soggetto a rischi legali. Le leggi federali hanno il sopravvento non appena le ruote dell'aereo si alzano da una pista, e chiunque sia sorpreso ad usare o trasportare erba su un aereo dovrà ancora vedersela con le leggi federali sulla droga.

(articolo di Chris Moore, pubblicato sulla rivista Merry Jane del 05/10/2018)
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori