testata ADUC
Afghanistan: come il conflitto incide sul traffico globale di eroina
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
13 agosto 2021 9:52
 
La lunga guerra in Afghanistan ha raggiunto un potenziale spartiacque il 6 agosto quando i combattenti talebani hanno conquistato Zaranj, una polverosa città di frontiera con una popolazione di circa 63.000 abitanti al confine afghano-iraniano. Sebbene geograficamente e politicamente marginale, Zaranj è stato il primo centro provinciale a cadere durante un mese di rapidi avanzamenti.
Nelle settimane precedenti, l'avanzata dei talebani era stata in gran parte limitata alle campagne, prendendo il controllo di più della metà dei 421 distretti del paese. Ma incoraggiati da questi successi e dal morale in caduta libera delle forze armate afghane, i talebani si sono indirizzati ai principali centri abitati. Dalla loro svolta a Zaranj, hanno preso il controllo della vicina Farah e di altri sette capoluoghi di provincia nel nord.
La velocità e il successo di questa offensiva hanno colto molti di sorpresa, ma l'equilibrio di potere è cambiato dall'accordo del 2020 tra Stati Uniti e talebani, che impegnava gli Usa a ritirare le proprie truppe dal paese. Ciò è stato aiutato dal sostegno del Pakistan ai talebani, nonché dal rilascio da parte del governo afghano di 5.000 combattenti talebani imprigionati, una condizione dell'accordo USA-talebani. I successivi colloqui di pace, sostenuti dalle potenze internazionali e regionali, non sono riusciti a arginare le recenti violenze né a elaborare un piano di pace credibile.
Ma mentre la maggior parte dei commenti si è concentrata su questo processo di pace in difficoltà e sulla dimensione militare, molto meno è stato detto su come i fattori economici stiano modellando gli eventi in corso, compreso il commercio di oppio ed eroina.

La storia si ripete
Questo ci riporta a Zaranj. Non è un caso che i talebani si siano concentrati sulle città di confine, poiché queste hanno un'importanza economica enorme, che si traduce in vantaggio militare e politico. I talebani ora controllano una decina di valichi internazionali. Oltre a Zaranj, hanno Spin Baldak, un gateway per il Pakistan; Islam Qala, il principale punto di passaggio verso l'Iran; e Kunduz, che conferisce il controllo delle rotte a nord del Tagikistan.
L'importanza di queste città commerciali è stata dimostrata dalla storia recente. Quando le fazioni in guerra in Afghanistan hanno smesso di ricevere aiuti militari e finanziari principalmente da russi e americani dopo che i russi si erano ritirati alla fine degli anni '80, il controllo del commercio è diventato molto importante. Ciò includeva l'economia della droga, che si è espansa massicciamente dai primi anni '90.
Questo sta avvenendo di nuovo. Negli anni '90, ad esempio, Zaranj era un luogo del selvaggio west che è cresciuto come snodo commerciale illecito, attingendo a legami transfrontalieri di lunga data tra le tribù baluci specializzate nel contrabbando di carburante, droga e persone. Attività simili continuano anche oggi: l'oppio e l'eroina, derivati ??dai campi di papavero delle province di Farah e Helmand, vengono contrabbandati attraverso il confine, insieme al fiorente business del traffico di esseri umani.
Eppure Zaranj è diventata anche una città di passaggio per il commercio legittimo, compreso il carburante, i materiali da costruzione, i beni di consumo e gli alimenti. Situata su un corridoio chiave che collega Kabul al porto iraniano di Chabahar, il governo afghano ha investito in strade e infrastrutture di confine come parte di uno sforzo più ampio per cementare le relazioni con l'Iran e ridurre la sua dipendenza dal commercio con il Pakistan. Questo mix di commercio lecito e illecito ha sbloccato gli investimenti interni e ha attratto una popolazione in crescita dalle aree circostanti, oltre ad essere un'importante fonte di tasse.
In tutto il paese, i dazi all'importazione rappresentano circa la metà delle entrate interne del governo afghano. Islam Qala da sola genera più di 20 milioni di dollari al mese. Quindi, prendere il controllo di questi punti di passaggio chiave riempie le casse dei talebani negando al governo un'importante fonte di entrate, in un momento in cui i finanziamenti esterni da parte di donatori internazionali stanno diminuendo.
I talebani ora controllano molte delle parti chiave dell'economia – le principali regioni di coltivazione del papavero, così come i mercati e le rotte commerciali verso Pakistan, Iran e Tagikistan – consentendo loro di tassare sistematicamente diversi punti lungo le catene delle materie prime.

Il controllo delle frontiere consente inoltre ai talebani di imporre restrizioni economiche alle merci importate come petrolio e gas, fornendo loro un'ulteriore leva su Kabul. L'interruzione del flusso di importazioni ed esportazioni ha già influito sui prezzi del carburante e dei prodotti alimentari. Gli affitti degli alloggi a Kabul sono aumentati negli ultimi giorni, con molti degli sfollati a causa dei recenti combattimenti che cercano alloggio nella capitale. Allo stesso tempo, i prezzi degli immobili sono crollati mentre i disperati Kabulis cercano di vendere e lasciare il paese.

Eroina e oppio
Nel 2020, secondo l'ultimo sondaggio dell'Ufficio delle Nazioni Unite contro la droga e il crimine (Unodc), c'è stato un aumento del 37% della quantità di terra assegnata alla coltivazione del papavero. Ciò è stato collegato a una serie di fattori, tra cui instabilità politica e conflitti, siccità devastanti, inondazioni stagionali elevate, il calo dei finanziamenti internazionali e le opportunità di lavoro. È probabile che questo continui, così come i fattori strutturali dell'economia dell'oppio – conflitti armati, malgoverno e povertà diffusa – si stanno muovendo in una direzione negativa.
Sia nelle campagne che nelle città di confine, l'economia dell'oppio fornisce un'importante ancora di salvezza per gli afghani, molti dei quali stavano già vivendo una crisi umanitaria. L'aumento del conflitto arriva quando la grave siccità ha fatto salire i prezzi del cibo, mentre c'è stata anche un'impennata nella variante delta del covid e circa 360.000 persone sono state sfollate dall'inizio dell'anno in risposta a tutti i problemi nel paese.
Qualunque sia lo scenario – una vittoria dei talebani, una guerra civile o un accordo negoziato – è improbabile che ci sia una trasformazione dell'economia della droga illecita in tempi brevi. Sia i talebani che il governo si pronunciano sulla lotta alle droghe illecite, ma i fattori elencati rimangono troppo forti.
Il traffico di droga è semplicemente troppo profondamente radicato nelle strategie di accumulazione e sopravvivenza dei talebani, dello stato, delle milizie attualmente in piedi per combattere i talebani e della popolazione in generale. Questo sfortunatamente guiderà il mercato globale dell'eroina, oltre ad alimentare il crescente problema della droga in Afghanistan e nei paesi vicini.

(Jonathan Goodhand - Professor in Conflict and Development Studies, SOAS, University of London -, su The Conversation del 12/08/2021)
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
ADUC - Associazione Utenti e Consumatori APS