portale aduc testata sostienici
pay-off
prima paginaprima pagina l'associazione canali di' la tua sos online
naviga
attivare javascript per navigare in questo sito!
cerca
Italia. Test positivo dopo incidente, assolto: impossibile stabilire quando aveva assunto droga
Scarica e stampa il PDF
Notizia 
15 agosto 2009 17:36
 
Trovato positivo al test che indica l'uso degli stupefacenti, dopo aver provocato un incidente stradale, e' stato assolto con la formula piu' ampia perche' il risultato 'puo' essere indubbiamente interpretato come riscontro di assunzioni pregresse piu' o meno recenti, ma nulla dice sulle condizioni in cui lo stesso si trovava al momento del sinistro'. Lo ha scritto il Gup di Bologna Pasquale Gianniti nelle motivazioni con cui ha assolto un ventenne bolognese che la sera del 9 marzo 2008 sbando' con la sua 'Punto' in via Masini, a Casalecchio di Reno, e centro' due auto in sosta. Intervennero i vigili che sottoposero il ragazzo dapprima all'alcol test, risultato negativo, poi all'esame dei liquidi biologici, per l'eventuale assunzione di stupefacenti, che risulto' positivo ai cannabinoidi.
Il ragazzo, difeso dall'avv.Chiara Rizzo, e' finito davanti al Gup - che ha accolto la tesi difensiva - accusato di aver provocato un incidente in stato di alterazione psicofisica determinata dall'uso di stupefacenti cannabinoidi. Il magistrato spiega che 'il referto non rappresenta affatto prova del fatto che l'assunzione dello stupefacente sia avvenuta immediatamente prima del rilascio del campione delle urine, ben potendo la rilevata positivita' significare che l'assunzione era risalente nel tempo'. Il Giudice ricorda che l'esame di screening svolto 'costituisce indubbiamente, sotto il profilo clinico, un importante rilevatore preliminare, ma sotto il profilo medico legale, non puo' prescindere dalla procedura indispensabile per validarne il risultato''. E la positivita' con la tecnica di screening - 'di per se' indicativa di una assunzione che puo' essere pregressa anche di molti giorni con una variabilita' a seconda delle molecole assunte (anche 20 giorni per i derivati della cannabis)' - va confermata 'con analisi di conferma di 2/o livello' che in questo caso non ci sono state. Inoltre 'non risulta che sia stata effettuata la visita medica prevista' in questi casi dal codice della strada (art.187), e che deve certificare uno stato di alterazione psico-fisica riconducibile all'uso di stupefacenti.
Consulenza
Ufficio reclami
NOTIZIE IN EVIDENZA
15 agosto 2009 17:36
Italia. Test positivo dopo incidente, assolto: impossibile stabilire quando aveva assunto droga
Donazioni
TEMI CALDI
24 luglio 2014 (3 post)
Tossicodipendenza. Due morti in tre giorni a Firenze. Aspettiamo i prossimi? Appello al Comune per una narcosala
22 luglio 2014 (14 post)
Coltivava due piante di cannabis in casa. Assolto in Appello
22 luglio 2014 (3 post)
Cannabis terapeutica. Proposta di legge in consiglio regionale Calabria
22 luglio 2014 (7 post)
Foto di pianta cannabis su Facebook. Denunciato
14 luglio 2014 (1 post)
Lotta alle droghe. Nuove iniziative nelle scuole e di cooperazione internazionale
13 luglio 2014 (1 post)
Aumentano le prove che il popper e' pericoloso per la vista
13 luglio 2014 (1 post)
Italia. Arriva il Vicodin, il farmaco oppiaceo del dr. House
10 luglio 2014 (1 post)
Offre spinello a Obama in un bar di Denver/Colorado
9 luglio 2014 (2 post)
Bimbi fanno buca sulla sabbia in spiaggia e trovano sacchetto di marijuana
8 luglio 2014 (4 post)
Cannabis terapeutica. Le peripezie burocratiche di un padre per il figlio malato di Sla a Cosenza. Lettera aperta al ministro
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori