testata ADUC
Droghe illegali. La troppo limitata risposta del presidente Trump
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
5 aprile 2017 16:49
 
 Il presidente Donald Trump ha dato una risposta limitata alla domanda di droghe negli Usa, costruendo un muro e mettendo piu’ agenti alle frontiere, mentre i cartelli si arricchiscono, alimentano violenza e corruzione in America Latina, cosi’ come scrive oggi il quotidiano The New York Times.
Cosi’ come sostengono le autorita’ consultate dal quotidiano, un fattore che alimenta la migrazione illegale in Usa e’ il “flusso di denaro che va da nord a sud, prodotto dalla vorace domanda degli statunitensi per le droghe illegali”.
Secondo il quotidiano, la domanda di droghe in Usa arricchisce i cartelli criminali del narcotraffico, il denaro dei quali alimenta violenza e corruzione che spingono le persone ad emigrare senza documenti dall’America Latina.
In un articolo pubblicato sull’edizione odierna, il quotidiano fa presente che ogni anno i cartelli della droga incamerano migliaia di milioni di dollari grazie alla vendita di droghe in Usa, e questo spiega il potere che questi gruppi hanno in paesi come il Messico.
I dati del Dipartimento del Tesoro fanno sapere che il traffico di droghe produce circa 64mila milioni di dollari agni anno di vendite in Usa.
“La nostra domanda di droghe in Usa ha un impatto nel sud e porta fuori queste persone dai loro Paesi (latinoamericani)”, ha detto Michael Shifter, presidente di Dialogo Interamericano, un gruppo di esperti con sede a Washington.
Varie agenzie fanno sapere che controllare il flusso di droghe e di armi in Usa e’ tanto importante quanto controllare l’immigrazione clandestina verso gli Usa dal Messico, cosi’ come controllare le persone che entrano.
Per i funzionari messicani, il flusso di armi e denaro che entra nel Paese dal nord e’ in atto da molti anni.
Circa il 70% della armi da fuoco introdotte in Messico tra il 2009 e il 2014 si puo’ dire che proviene dagli Usa, per un totale di piu’ di 73 mila, cosi’ come fa sapere una nota informativa dell’Ufficio federale di Alcool, Tabacco, Armi da Fuoco ed Esplosivi del 2016.
“E i soldi, in diversi modi, presentano un problema piu’ grande che non le armi”.
Secondo il Dipartimento del Tesoro, il traffico di droghe produce piu’ di 64 mila milioni di dollari all’anno di vendite in Usa, e questo permette ai cartelli della droga e alle pandillas di comprare armi e di corrompere funzionari in America Latina e anche in Usa.
“Le persone sentono dai politici, dai mezzi di comunicazione che dobbiamo fermare la droga e il veleno che sta ammazzando i nostri figli. Per le autorita’ di polizia il denaro e le droghe sono connessi fra di loro”, ha detto Doug Coleman, agente della DEA.
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori